logo MyPortal
Inizio pagina Salta ai contenuti

Comune di Zugliano

Provincia Vicenza - Regione Veneto


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Novembre  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
   1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30    
       

Itinerari Storici a Grumolo Pedemonte


BARCO MADDALENA

Il complesso conosciuto con il nome di Barco Maddalena, dal nome di uno dei proprietari, è un classico esempio di architettura rurale del territorio vicentino. Esso è composto da un corpo centrale, la vecchia torre colombara, affiancato da due barchesse. II barco doveva essere già costruito nel XVI secolo, forse come complesso dominicale dei conti Cavaggioni, visti i caratteri architettonici della breve facciata d'angolo tra via Palù e via Cavajon. L'intero complesso compare in una mappa di Grumolo de1 1673. Il complesso del barca dopo le famiglie Cavajon, Vecchia e Maddalena è passato in proprietà alla famiglia Dal Ferro di Thiene.
LOCALITA'
Via Cavajon
Lungo la Provinciale Zugliano-Thiene, all'altezza dell'incrocio che porta a Centrale, di fronte alla pizzeria 6 Camini.
    

VILLA VECCHIA-MADDALENA
La villa Vecchia-Maddalena fu edificata nell'ultimo decennio del Settecento dalla famiglia del nobile Angelo Vecchia che acquistò un bellissimo poggio panoramico di proprietà del Monastero di S. Bartolomeo di Vicenza. Questa altura naturale, chiamata il Castelliero a ricordo della ubicazione di una probabile opera di fortificazione, era occupata da una costruzione utilizzata come monastero e foresteria, a cui si accedeva mediante una strada, ora dismessa, facilmente ricostruibile nel suo andamento sulla collina.Non ci è dato di sapere quanto i nuovi edifici della villa abbiano utilizzato le murature esistenti. È facilmente intuibile, invece, che fu necessario un consistente investimento economico non solo per la costruzione della villa ma soprattutto per le opere di terrazzamento e di contenimento realizzate. Alla villa si accede mediante una strada che inizia con un portone a due pilastri di pietra massicci e si inerpica sulla collina.Per entrare nella corte interna bisogna oltrepassare un portone con arco a tutto sesto sulla cui chiave è scolpito lo stemma nobiliare della famiglia Vecchia. La villa si compone di un corpo padronale dalla forma semplice e compatta, con il prospetto principale ad ovest scandito da una trama di finestrature rettangolari, perfettamente simmetriche, e concluso da un frontone triangolare a timpano con un disegno a fresco al centro rappresentante un cigno. Sul timpano vi sono poi alcuni vasi ornamentali in pietra. Il corpo padronale della villa è articolato in due piani nobili con stanze molto alte, collegati da una monumentale scalinata che porta anche al granaio. Vi è inoltre un piano adibito a locali di servizio sullo stesso livello del giardino all'inglese ancora esistente e in cui si segnala la presenza di alberi e arbusti di una certa rarità botanica.Molto interessante è la barchessa con portico, stalle, fienile e abitazione del gastaldo il cui prospetto principale, a sud, è scandito da sette archi a tutto sesto e soprastanti aperture a oculo. Degna di nota è la splendida pavimentazione del portico con corsie in lastre di pietra di Asiago e salizo in ciottoli di fiume a disegno di diverso colore. Del complesso faceva parte anche un oratorio privato nominato nelle visite pastorali dei vescovi padovani e soppresso intorno al 1870, quando fu trasferita una statua della Madonna da questo oratorio alla cappella del Carmine in S. Maria Maddalena di Grumolo. Tra il 1887 e il 1896 la villa passò in proprietà alla famiglia di Domenico Maddalena, uno dei primi sindaci del comune di Zugliano, la cui famiglia, poi trasferitasi a Roma, ne conservò la proprietà fino a pochi anni fa. Durante la prima guerra mondiale la villa divenne sede di un ospedaletto da campo inglese, come è testimoniato anche dalle scritte sulle porte in lingua inglese che indicavano le destinazioni.
LOCALITA'
Via Castelliero
Lungo la Provinciale Zugliano-Thiene, poco dopo il Centro sportivo comunale, sulla sinistra.
 

VILLA BASSI

Questa villa risalente alla prima metà del 1400 presenta un prospetto principale caratterizzato da un arioso portico con loggia. La facciata è arrichita da 5 statue di probabile fattura seicentesta. l'interno della Villa è ancora conservato nelle sue articolazioni originarie con due piani nobili molto alti con soffitto a travature. In una sala del piano terra si può notare uno splendido camino cinquecentesco in pietra con cappa in legno.La villa costruita probabilmente nella seconda metà del cinquecento dalla nobile famiglia Terzo di Vicenza. Essa doveva consistere originariamente in tre livelli di due stanze passanti per piano che davano, e danno, all'edificio una forma compatta con tetto a due falde simmetriche. In una mappa dell'archivio privato della famiglia G. Maddalena di Roma del 1673, è abbozzata la proprietà della famiglia Terzo con la casa dominicale del sig. Francesco Terzo; malgrado la villa appaia appena delineata si può comunque intravedere la disposizione perpendicolare del corpo padronale e dei rustici con la corte ben delineata da un muro di recinzione. Nella seconda metà del settecento la villa passò in proprietà ai Monza di Vicenza fino alla fine del XVIII secolo quando fu acquistata da Gio. Batta Fabretti. La famiglia Fabretti probabilmente non risedette mai nella villa che fu invece affittata nel 1788 a Gregorio Bassi e ai suoi figli, Antonio e Andrea, di Grumolo Pedemonte. Nel 1800 dopo la morte di Gregorio, l'affitto fu trasferito al figlio di lui, Antonio, che abitava nella villa, per una durata di anni 21 e cioè fino al 1821, visto il buon comportamento di Antonio Bassi. Nel Catasto Austriaco del 1843 la proprietà della villa risulta ancora essere della famiglia  Bassi la quale tra il 1850 e il 1860 ingrandì la villa nel lato nord per creare nuovi spazi abitativi. Alla morte di Antonio Bassi, avvenuta a Verona i l6 maggio 1869, la sua proprietà passò, per disposizione testamentaria, agli abitanti di Grumolo e con essa la villa dove risiedeva. Attualmente l’edificio di proprietà della Fondazione Bassi, che è stato recentemente ristrutturato e restaurato, ospita un ristorante.
LOCALITA'
Via Chiesa
alla strada provinciale Zugliano-Thiene, si svolti a destra all'altezza della Pizzeria 6 Camini, in direzione Centrale. All'altezza della prima curva, tenere la destra.
Fronte Chiesa Parrocchiale di Grumolo Pedemonte.

Via Roma, 69
P. Iva 00236130241
info@comune.zugliano.vi.it PEC: zugliano.vi@cert.ip-veneto.net